Home Curling Notizie

Curling Notizie

Il VICEPRESIDENTE di Goldline Andrew Brett: Curling tornerà!

Stiamo entrando nel secondo anno della pandemia. A differenza delle nostre speranze, la stagione di curling 2020/21 si è conclusa molto presto per la maggior parte dei curler europei. Il nostro ultimo post sul blog risale a Octobre 2020 e racconta la frustrazione del curling svizzero a causa di un nuovo blocco. Noi di curling.zone abbiamo chiesto a uno dei principali uomini del settore del curling, il vice presidente di Goldline Andrew Brett, di darci le sue opinioni sulla situazione e sul futuro.

L’intervista può essere visualizzata sul nostro nuovissimo canale Youtube per intero.

E ‘stato un tale ottovolante,

ci dice Andrew Brett, quando gli è stato chiesto come Goldline ha fatto nell’ultimo anno dominato da Corona. Lui, personalmente, aveva solo la possibilità di giocare curling solo tre volte in questa stagione e ora è

“desideroso di tornare sul ghiaccio.”

Parliamo della situazione reale, dei club e dei loro problemi. Sul sostegno del governo e, soprattutto, sul futuro del curling.

Se vuoi sentire, cosa ne pensa Goldline, unisciti a noi su Youtube.

Per renderlo un po’ più in uscita, inizieremo il nostro canale Youtube con una “Premiere” domenica 21 marzo alle ore 11.00.
Unisciti a noi e dai un’occhiata, perché Andrew Brett è


“pieno di ottimismo”

Quindi lascia che Youtube ti ricordi e chatti con noi sull’intervista – domani alle 11 ora di Berlino.

Switzerland: SWISSCURLING surprised by partial lockdown

0
Tom Seger, CEO SWISSCURLING
Tom Seger, CEO SWISSCURLING

Corona hits Europe again after a relatively calm summer. Curling restarted everywhere. Now a few countries like Slovenia and the Czech Republik are under full lockdown. But one of Europe’s largest curling nations, Switzerland, surprised on Friday, Octobre, 23rd.

Canton Bern, comparable to a state, decided

To minimize the spread of corona infections, the regional government of Bern has ruled a full range of measures.

Kanton Bern, Mediarelease – Translation by curling.zone

Part of the measures is a lockdown on all sport and fitness centers. The lockdown went into action only a few hours after the media release on midnight of the same day.

In Biel a curling tournament was interrupted and cancelled as a consequence.

Tom Seger from SWISSCURLING: “We are puzzled”

Tom Seger, CEO SWISSCURLING

curling.zone talked today in an exclusive interview with
Tom Seger, CEO of SWISSCURLING.


In a first reaction he told us, how surprised he was, when he learned on late friday afternoon of the decision in Bern. While he states full support for all measures leading to a safe environment for sport, he seems not to be convinced of the necessety to act on such short notice. He points out, that SWISSCURLING has been working with all important parties on safety concepts. He is convinced that the resulting set of rules would allow safe sport.
Seger would go no further in commenting the situation because of the ongoing, fast moving situation. Coming Wednesday, Bundesrätin Viola Amhert, (member of the Swiss government/minister) will meet the sport associations at a round table talk.
Tom Seger asked us to relay his gratefulness to all who had been working to get this curling season going. He shares their frustration and expresses his hope for help from politics.

What is the Situation?

First, the lockdown is right now only in place in parts of Switzerland. These are regional, not national measures. In Europe most lockdowns during the second wave habe been local and restricted in length.

Second, the training can go on for all curlers who will go to the Olympic Games or belong to the Swiss national cadre.

The situation for “Euro Super Sterile” in Genf on Novembre, 3rd is completely open. The plan was to hold a series of four tournaments with the top European teams without spectators. Now the whole work of months is in peril.

curling.zone will keep you updated.

Corona: Linee guida per Curling Canada per la Stagione 2020/21

Corona impone nuove regole sullo sport del curling
Corona impone nuove regole sullo sport del curling

Come abbiamo riferito, Curling è stato colpito in tutto il mondo dalla Pandemia Corona. Le varie contromisure hanno avuto un enorme impatto sul curling. La situazione è migliorata. Guardiamo la nuova stagione di curling 2020/21 e vediamo come impatto Corona.

La Canadian Curling Association è vista da molti come una sorta di leader. Come tale pensiamo che abbia senso guardare come la più grande federazione di curling del mondo si occuperà della situazione.

Mi fa piacere a dirvi che c’e una strada avanti e un piano per la prossima stagione di curling. Riportiamo il curling alle Canadesi.

Katherin Henderson
Amministratore delegato, Curling Canada

In che modo la prossima Stagione dei Curling sarà sicura per tutti?

Le linee guida sono state pubblicate il 6 luglio 2020 e sono suddivise in diversi settori d’azione. Si basano su tutti all’interno della comunità curling da funzionari ai giocatori e anche integrare le autorità.

I principi di base di vivere con la Pandemica

Gli orientamenti si basano sulle regole generali che ormai conosciamo tutti.

  • lavaggio delle mani
  • social distancing
  • rimanere a casa quando si appartiene un gruppo di rischio speciale
  • rimanere a casa quando si hanno sintomi

Curling Canada esorta i giocatori e centri di curling a seguire le regole e fare di tutto per rendere possibile il seguire le regole. Questo include per i centri di curling per aggiornare il loro protocollo di pulizia. Ad esempio, la pulizia delle superfici e la fornitura di dispenser igienizzato. L’attrezzatura di curling deve essere pulita dopo ogni utilizzo. Ma anche organizzare il flusso di traffico. Una porta per l’ingresso, una per l’uscita, meno sedie per i tavoli e così via.

Giocare il gioco

Molti giocatori in tutto il mondo hanno discusso, se e come le regole potrebbero dover cambiare.
Ecco cosa consiglia Curling Canada.
Nei pausi aprire sempre le porte per l’aria fresca. La tradizionale stretta di mano cede il passo a un saluto amichevole. Nessun lancio di monete. I giocatori devono rimanere sempre su un lato del foglio per massimizzare la distanza dalla pista successiva. I principi fondamentali sono di mantenere un massimo di distanze. Ciò include non utilizzare la capacità completa. Ma anche per allungare gli eventi per avere due orari di partenza e meno persone nel ghiaccio.



Illustrazioni di allontanamento per il curling durante la pandemia corona

Corona cambia le regole di curling
Il cambiamento più radicale è che è consentito un solo sweeper.
Nessun relaying a una seconda spazzatrice e il salto è anche vietato spazzare.

Dovremmo essere tutti consapevoli, quanto sia difficile la situazione per lo sport curling. Se ci saranno battute d’arresto, la situazione economica dei club e dell’industria del curling nel suo complesso sarà ancora più stressata. I funzionari devono affrontare un compito difficile. Definire le regole per un gioco sicuro pur mantenendo il divertimento dello sport del curling è una grande impresa. E non c’è nessun esempio in passato da cui imparare.

Corona colpisce Curling Canada – un aggiornamento

12.6.20: Nuovi casi giornalieri in Canada (worldometri)
12.6.20: Nuovi casi giornalieri in Canada (worldometri)

Come qui in Europa, la stagione curling 2019/20 si è conclusa anche in Canada all’inizio. 2 giorni prima dell’evento, l’WCF ha annullato i Campionati mondiali di cura delle donne che si terranno nella Columbia Britannica. Il 16 marzo, Curling Canada ha rilasciato una dichiarazione che ha concluso la stagione in Canada:

“Curling Canada sta fortemente sollecitando tutti i centri di curling in Canada, sia affiliati che non affiliati, a sospendere immediatamente tutte le attività domestiche di curling, fino a nuovo avviso, alla luce dei rischi per la salute pubblica associati al COVID-19.”

Corona in Canada

Nuove morti giornaliere in Canada (worldometers)





Il Canada sembra aver raggiunto il picco di nuovi casi intorno ad aprile, 22 con circa 1.800 casi al giorno e due settimane dopo il numero di morti giornaliere sembra aver superato i 200. Da allora entrambi i numeri sono in declino. In realtà ci sono 400 nuovi casi e circa 50 morti al giorno, ma ancora più di 32.000 casi attivi.






Le conseguenze per i tornei pubblici

Come tutti sappiamo ormai, il “distancing sociale” è il modo principale in cui i governi noi in questo momento per impedire che il virus si diffonda.
Per quanto riguarda i tornei Curling questo ha gravi conseguenze per il finanziamento. La maggior parte dei tornei ha bisogno di spettatori per pagare le bollette. Stadions vuoti come lo vediamo ora nel calcio europeo non sono nella maggior parte dei casi possibili. I biglietti sono solo una parte del finanziamento di questi eventi. Dalle presentazioni dei produttori alle cabine di rivenditori locali di forniture di curling, ci sono molte fonti di denaro. Per non dimenticare il chiosco che vende birra e hot dog. Senza questi fondi, diventa difficile. Molto difficile.
Gli eventi devono essere pianificati a lungo e nessuno sa, quali regole si applicheranno al momento di un evento. Il caso peggiore sarebbe un evento annullato con breve preavviso, ma tutti i contratti già fatto.

Qual è la situazione in questo momento a traverso il Atlantico?

Quella corona è in grado di colpire bigodini sulla pista non è in dubbio. Nessuno ha dimenticato come dopo un bonspiel a Edmonton 40 dei 73 partecipanti hanno testato positiv. Ancora di più, come si trattava di un evento per i professionisti medici.
Quindi, come continuerà nel paese dove il curling è uno sport di massa?
Uno dei primi eventi della prossima stagione, il “Shorty Jenkins Classic” che si terrà a settembre in Ontario è già stato cancellato. Già l’8 maggio, l’8 maggio è arrivata la triste notizia quandoGord McCrady Jr. ha pubblicato:

“Abbiamo ritenuto che fosse nell’interesse dei fan, dei volontari, dei bigodini e dei nostri principali sponsor, AMJ Campbell, Jet Ice, VIA Rail , Choose Cornwall e il Cornwall Curling Centre rinviare di un anno”,

Il notiziario è, che non ci sono molte notizie.

Katherine Henderson, CEO Curling Canada
Katherine Henderson, CEO Curling Canada

Il “Grand Slam of Curling” offre biglietti per eventi dal 20 ottobre – nessuna parola sul virus. Anche Curling Canada continua a vendere biglietti per eventi da novembre in poi.
World Curling Tour sembra aver già cancellato alcuni eventi. Il Canad Inn’s su Octobre, 9th era stato, dopo essere stato cancellato nel 2019 a causa di una tempesta, è stato cancellato di nuovo.
Ma -per riassumere- finora, non ci sono molte notizie. La maggior parte degli organizzatori di eventi sembra aspettare un quadro più chiaro. E questo non è una sorpresa come Curling Canada ancora “guarda cosa giorno dopo giorno” come il loro CEO Katherin Henderson ha detto CBC a fine maggio. In questo momento, non sembra esserci un piano, ma una serie di scenari anche per gli elementi essenziali come le qualifiche alle Olimpiadi.

Jill Richard, l’esecutivo di Curling Alberta, ha giàagito . Questa prossima stagione l’Alberta ospita i “Provincial Curling Championships”. La notizia è che invece di un evento maschile e femminile, ci sarà un solo evento combinato a Calgary nel gennaio 2021. Speriamo che questo crei un evento abbastanza grande da portare i costi e attirare abbastanza attenzione.